Perché bisogna continuare a guardare Nuovo Cinema Paradiso

Perché bisogna continuare a guardare Nuovo Cinema Paradiso

A venticinque anni dalla sua uscita, il film viene restaurato e trasmesso nuovamente a Bologna durante la rassegna Cinema sotto le stelle.

Uno dei fotogrammi più famosi di Nuovo Cinema Paradiso
Uno dei fotogrammi più famosi di Nuovo Cinema Paradiso

Una delle eccellenze della cultura italiana è sicuramente il cinema. Benché stia vivendo un periodo di crisi, al pari di altre attività culturali, non possiamo dimenticare i capolavori che hanno fatto grande il cinema italiano all’estero. Tra questi non possiamo dimenticare, sicuramente, Nuovo cinema paradiso di Giuseppe Tornatore che, in questi giorni, verrà trasmesso in edizione restaurata, in occasione della rassegna Cinema sotto le stelle che si tiene a Bologna ogni anno. Il film è stato restaurato, a venticinque anni dalla sua uscita, grazie al supporto di Dolce & Gabbana, Luce Cinecittà e Cineteca di Bologna.

Il film ha esattamente i miei stessi anni e il ricordo che ne conservo è quello di un film che mi aiutato a crescere e che, riguardando nel corso degli anni, ho imparato a comprendere meglio e ad amare in maniera quasi viscerale.

La prima volta che l’ho visto era piccolissima, quattro o cinque anni al massimo, e ne rimasi completamente affascinata. Mia madre sapeva che uno dei modi per farmi tranquillizzare, quando ero abbastanza irrequieta, era quello di farmi vedere Nuovo Cinema Paradiso. Da bambina, ovviamente, non potevo apprezzare la trama o la vicenda, ma la fotografia estremamente curata per ciascun fotogramma e la bellissima colonna sonora di Ennio Morricone mi lasciavano senza parole e mettevano in secondo piano tutto il resto.

Quando l’ho rivisto da adolescente, ho colto aspetti che sino ad allora non ero stata in grado di comprendere. La passione per il cinema, il rapporto con la propria figura paterna, il primo amore, la voglia di scappare dal proprio paese di origine per poi capire che, per quanto lontano tu possa andare, ti rimarrà sempre dentro. E ancora una volta mi perdevo e rimanevo ammutolita guardando il film… anche io mi sentivo come Salvatore: curiosa di capire il mondo e i delicati sistemi che lo mantenevano in equilibro; confusa durante il periodo della crescita e della scoperta di se stessi; delusa dal proprio luogo di nascita tanto da voler scappare inseguendo la chimera della grande città dove tutto è possibile e dove tutto ciò che desideri si può realizzare. Provenendo, inoltre, da un piccolo paese apprezzavo e sorridevo guardando quelle immagini in cui la coralità del sentimento popolare diventava protagonista: la gioia di andare al cinema per poter conoscere e scoprire la varietà del mondo, per potersi emozionare insieme al tuo vicino di sedia, per poter incontrarsi, condividere e vivere esperienze. Anche se, con sfumature diverse, dovute al forte stacco temporale dal periodo in cui è ambientato il film e quello in cui l’ho visto, vivevo anche io le stesse sensazioni.

Da più matura, mi ha fatto capire, invece, il dolore del distacco, la potenza dei ricordi e delle proprie origini che, nonostante tutto, ti definiscono e ti inseguono qualunque cosa tu faccia e ovunque tu vada.

Quando penso al cinema e cerco di capire perché un film può essere considerato bello (senza aggiungere troppi fronzoli da addetti ai lavori), prendo subito in considerazione Nuovo Cinema Paradiso. Penso, infatti, a Salvatore che si stupisce quando i fotogrammi impressi sulla pellicola vengono proiettati sul grande schermo da Alfredo; penso alla complessità di emozioni e alle lacrime che riesce a strapparmi ogni volta che lo riguardo e a come sia stato un pezzo della mia cultura e del mio vissuto da quando sono molto piccola.

Ogni volta che vado al cinema, ricerco esattamente queste sensazioni… per me Nuovo Cinema Paradiso è stato l’inizio di tutto: l’anno zero della mia piccola cultura cinematografia e della mia neonata passione verso la settima arte.

ndr pubblicato su Total Free Magazine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...